Quanto costano caro i secondi tempi

© foto www.imagephotoagency.it

Sorge un dato preoccupante dall’ultima analisi fornita da Football Data: la Sampdoria è la seconda squadra per punti buttati via nelle riprese.

Le partite si sa, durano 90 minuti, eppure la Samp spesso e volentieri sembra dimenticarsi del mantra fondamentale, gettando via quanto fatto nel primo tempo, ultima dimostrazione quella di San Siro contro l’Inter: trovatosi fortunosamente in vantaggio la squadra ha finito per sciogliersi nella ripresa.

L’ultima volta che la Samp ha ripreso una situazione di svantaggio a fine primo tempo è stato il 12 maggio 2012 a Castellammare di Stabia, in quella che è stata la partita della consapevolezza dei propri mezzi, quello strepitoso 2-1 alla Juve Stabia con primo timbro in prima squadra di Mauro Icardi che ha lanciato definitivamente la Samp alla promozione tramite i play-off.

Altre rimonte spettacolari in quell’anno non ce ne sono, quantomeno non passaggi da sconfitte a vittorie, per questa tipologia di risultato l’ultima rimonta vittoriosa è stata Sampdoria-Roma 2-1, 9 gennaio 2011, con rimonta vittoriosa dei blucerchiati dopo una straordinaria rete di Vucinic, e reti della Samp di Pozzi su rigore e Guberti, la penultima vittoria a Marassi prima del crollo, l’ultima vittoria fu contro il Bologna col punteggio di 3-1, da lì il buio totale e la retrocessione.

In questo campionato sono 4 i punti persi tra primo e secondo tempo, i 3 contro l’Inter come detto in apertura, e il punto perso nella gara contro il Napoli, nelle altre partite il risultato di fine primo tempo è coinciso con quello a fine partita, anche se nelle ultime partite, quando la Samp si è trovata in situazioni di svantaggio il guizzo per il pari è sempre arrivato, è mancata poi la solidità necessaria per mantenere il pareggio. 

È curioso sottolineare anche come nelle due gare in cui questo è capitato, Chievo-Sampdoria e Sampdoria-Atalanta, che il gol del pareggio sia sempre arrivato dai piedi di Enzo Maresca con due perle balistiche, rivelatesi poi inutili ai fini del risultato.

Quei 4 punti ora proietterebbero la Samp a quota 14, 2 sconfitte di meno e il fregio di ruolo di “ammazza grandi”, visto che in bacheca figurerebbero gli autorevoli scalpi di Milan e Inter e 2 ottimi punti contro Roma e Napoli, purtroppo però la realtà è un’altra, e dice che la Samp ha scarsa efficacia su 90 minuti.

 

Articolo precedente
Variazione di orario per il Samp Point
Prossimo articolo
Estigarribia e Gastaldello acciaccati, domani conferenza prepartita del Mister