Rivoluzione Ferraris: cambiano anche le gradinate

tifosi sampdoria gradinata utc
© foto Valentina Martini

I lavori al “Ferraris” saranno terminati per il Derby della Lanterna, ma saranno solo i primi di una grande rivoluzione che riguarderà anche le gradinate

I tempi necessari al restyling del “Ferraris” saranno più lunghi di quanto previsto, la rottura con la Pessina Srl, la ditta incaricata da Sampdoria e Genoa ha causato uno slittamento del termine previsto per la chiusura dei cantieri, ma per il Derby della Lanterna la prima parte dei lavori programmati dovrebbe essere terminata. I blucerchiati giocheranno al “Ferraris” con i settori interessati dai lavori chiusi al pubblico: tra il 15 novembre e l’8 dicembre si conta di poter inaugurare il nuovo impianto sportivo.

Ma il progetto non è destinato solo a modificare le tribune (inferiore e superiore) dello stadio, come riporta il Secolo XIX. Il Ferraris cambierà ancora: alla prima diminuzione di capienza (dal 36.348 posti a 33mila) già in questa tornata di interventi, ne seguirà una seconda il prossimo anno quando verranno eseguiti i lavori nei Distinti, con la costruzione di una terrazza centrale. Cambiamenti anche nelle Gradinate, dove i posti aumenteranno grazie all’eliminazione di due scale superflue. Inoltre i club stanno lavorando per ottenere da Lega Calcio e Federcalcio la deroga ai seggiolini (la medesima che ha ottenuto il Borussia Dortmund).