Sampdoria – Atalanta: i numeri dei bergamaschi

© foto www.imagephotoagency.it

Quella tra Sampdoria e Atalanta sarà una sfida importante per entrambe le squadre. Non si tratterà di un semplice scontro salvezza ma molto di più: una sconfitta contro i nerazzurri molto probabilmente non verrebbe tollerata dalla dirigenza blucerchiata, per cui Ciro e i suoi uomini dovranno dare il masimo per cercare di uscire dalla crisi che li accompagna da ormai cinque partite. Dall’altra parte invece ci sarà una squadra alla ricerca di conferme, al test di maturità dopo quanto di buono è stato fatto contro il Napoli mercoledì.

Vediamo i numeri della squadra di Colantuono: va detta per prima cosa che il risultato delle ultime 5 sfide a Marassi tra i nerazzurri e la Sampdoria, pende tutto a favore della formazione di casa, con quattro vittorie su cinque incontri. Tuttavia le due compagini non si incontrano dalla stagione 2009/2010, in mezzo ci sono state le retrocessioni di engtrambe e da allora molte cose sono cambiate. 

Parlando dei singoli giocatori invece, salta subito all’occhio come Consigli non subisca goal da ben 222 minuti, due partite e mezza. Rimanendo sempre sul reparto arretrato, la difesa nerazzurra è la settima del campionato e senza il bruciante 1-5 contro il Torino sarebbe in terza posizione dietro Juve e Napoli. La difesa è la stessa della scorsa stagione, con un Masiello in meno e un Brivio in più, difesa che aveva chiuso lo scorso campionato con soli 43 goal al passivo. Il parziale alla decima giornata era di esattamente 12 goal, proprio come quest’anno. Un vantaggio dato dallo scegliere sempre gli stessi uomini dal sicuro rendimento? Assolutamente no: Colantuono in 10 partite ha schierato 10 formazioni diverse, ma ciò non ha impedito ai suoi ragazzi di chiudere a reti inviolate ben 4 incontri, di cui due con Milan e Napoli.

Se il reparto arretrato sembra una sicurezza, non si può dire lo stesso dell’attacco: El Tanque Denis non segna dal 30 settembre contro il Torino e in squadra non c’è ancora un vero e proprio bomber: 2 soli goal per l’attaccante argentino, tanti quanti il centrocampista Cigarini e via con una sola rete segnata per Bonaventura, Carmona, Raimondi e Maxi Moralez. 

Articolo precedente
Stendardo “Garrone fa bene al calcio”
Prossimo articolo
Gastaldello: “Pensiamo sempre in chiave costruttiva”