Sampdoria-Torino, è quasi derby: tanti ex rossoblucerchiati

© foto www.imagephotoagency.it

Sampdoria-Torino è anche la partita degli ex: il più illustre è Quagliarella, nelle fila dei granata nutrita presenza rossoblucerchiata

Sampdoria-Torino è una partita dai tanti spunti: non solo è uno scontro diretto per l’obiettivo di mantenere il sesto posto in ottica Europa League, ma è caratterizzato da tanti intrecci tra ex rossoblucerchiati. I più illustri, che vanno inseriti nella categoria degli ex, sono Quagliarella, De Silvestri e in misura inferiore anche Acquah. Se il centrocampista ghanese ha un passato esiguo con la maglia blucerchiata avendo disputato solo dieci partite, condite anche da un gol, la stessa cosa non si può dire per Lorenzo De Silvestri. Il terzino destro alla Sampdoria ha superato le cento presenze (119) realizzando anche nove reti e diventando un beniamino della tifoseria blucerchiata per il non risparmiarsi mai sul terreno di gioco. Gli intrecci non finiscono qui perché anche i granata hanno un ex che, in questa stagione con le sue 16 reti e assist, sta facendo scintille in blucerchiato: Fabio Quagliarella.

La rottura tra la tifoseria granata e l’attaccante italiano è cosa nota e risale alle affermazioni fatte, dopo il rigore segnato al Napoli, nel periodo di militanza al Torino. I granata non gli perdonarono l’aver chiesto scusa alla tifoseria partenopea dopo aver realizzato il penality: la spaccatura portò come conseguenza la cessione del giocatore. All’andata qualche fischio nei confronti dell’attaccante c’è stato colpevole di aver infilato in rete il pallone del pareggio dopo il gol realizzato da Zapata. Pur non esultando, come di consueto avendo giocato nel Torino, Quagliarella non ricevette un buon trattamento da parte della tifoseria granata. Tra le fila della squadra di Cairo è presente anche una cerchia di ex rossoblù e, per questo motivo, si può quasi parlare di derby: Burdisso, Rincon, Iago Falque e Niang hanno tutti giocato la stracittadina della Lanterna e ora faranno ritorno al “Ferraris” per affrontare i blucerchiati. Partiranno titolari perchè Mazzarri, anche lui un ex, in conferenza stampa, ha affermato che si affiderà ai giocatori che fisicamente gli possono garantire i novanta minuti di gioco, dando vita quinti ad un derby del passato.