Spalletti si diverte: siparietti comici con Giampaolo, Conti e Quagliarella

Spalletti Sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Il tecnico dell’Inter allontana le pressioni del campo e scherza con alcune vecchie conoscenze della Sampdoria

Oltre il risultato e i malesseri per una sconfitta che rallenta il cammino della Sampdoria verso la conquista di un posto in Europa League, non mancano i motivi per sorridere. Accantonando quelle che sono le emozioni del campo, Luciano Spalletti ha voluto rasserenare gli animi degli avversari e salutare qualche sua vecchia conoscenza. A cominciare da Francesco Conti, vice-allenatore blucerchiato, che nel finale di partita ha varcato più volte il limite dell’area tecnica per incitare i giocatori ad agguantare il tanto desiderato pareggio. «Per me è come un fratello, abbiamo lavorato insieme e sono andato da lui per scherzare, ha zampettato due o tre volte per entrare in campo. Lui mi parlava di Skriniar in estate, mi diceva che è fortissimo e di lui mi fido».

Così come si fida di Marco Giampaolo, citato nella conferenza stampa della vigilia della partita e cercato a più riprese nel corso della serata. I due hanno avuto modo di stringersi la mano perfino davanti alle telecamere, nella pancia del “Meazza”, e Spalletti non ha perso l’occasione per rimproverarlo amichevolmente: «Non mi lasci tranquillo cinque minuti». Una chiara ed evidente approvazione della prestazione offerta dalla Sampdoria, accompagnata dal solito e instancabile Fabio Quagliarella. Il tecnico dell’Inter ne ha anche per l’attaccante doriano: «Possibile che mi devi sempre rompere i coglioni?». La frase simpatica è piena di riferimenti alla carriera e sarcasmo che esula dal contesto di rivalità e avvicina tutti, al di là dei colori che si indossano.