Stadio, un sogno che potrebbe diventare realtà!

© foto www.imagephotoagency.it

Ormai è risaputo che uno degli obiettivi principali della famiglia Garrone è quello di regalare alla Sampdoria, ai suoi tifosi ma anche a tutta la città di Genova un nuovo stadio. Un’opera importante che richiede molti sacrifici, non solo economici, da parte della presidenza sampdoriana che nonostante tutto sarebbe disposta a fare molto volentieri pur di dare un nuovo simbolo, un nuovo punto di riferimento per l’ambiente sampdoriano e per tutti i cittadini genovesi. L’area per creare questo nuovo stadio sembrerebbe essere stata individuata nell’attuale zona della Fiera di Genova, al posto dell’ormai vecchio Palasport e del Padiglione C che verrebbero demoliti. Il progetto prevede la costruzione di uno stadio che, come scrive l’odierna edizione della Repubblica di Genova, non solo svolga la sua attività durante le partite della Sampdoria ma resti sempre aperto per ospitare eventi sportivi e manifestazioni di grande livello. Uno spazio dedicato sopratutto agli eventi sportivi che si può trasformare in un palcoscenico per avvenimenti musicali e culturali, e uno spazio che offrirebbe soprattutto ai giovani un nuovo luogo in cui ritrovarsi; intorno al fulcro, rappresentato dallo stadio, sorgerebbero ulteriori servizi per le persone con attività commerciali e infrastrutture.

Con questo nuovo assetto della Fiera, il famoso Salone Nautico verrebbe ridimensionato e reso più “leggero” con uno sviluppo maggiore sull’acqua per tagliare i costi elevati. Il progetto che si sta sviluppando è molto ambizioso e solo il tempo potrà svelare se questa volta riuscirà a nascere a Genova l’idea di un nuovo stadio che sia alternativo e non sostitutivo a quello di Marassi, il quale avrebbe urgente bisogno di interventi di ammodernamento sopratutto per quanto riguarda il manto erboso che ogni anno deve essere rizollato almeno un paio di volte. La famiglia Garrone tiene particolarmente a quest’opera e questa volta è disposta a fare il massimo pur di superare l’aridità e la mentalità ristretta che viene fuori quando si presentano progetti per rinnovare Genova e impegnerà tutte le risorse a disposizione per avere il via libera ad iniziare la costruzione di questo stadio, di questo centro unico nel suo genere, di questo grande sogno.

Articolo precedente
L’ex Bonazzoli giocherà nel Padova
Prossimo articolo
Montella batte Delneri: il Ferraris è gigliato