Stramaccioni:”Mi aspetto una Sampdoria pronta a metterci in difficoltà”

© foto www.imagephotoagency.it

Nella sala stampa del centro sportivo “Angelo Moratti” di Appiano Gentile alle ore 12.30, il tecnico nero-azzurro incontra gli operatori dell’informazione alla vigilia di Inter – Sampdoria, in diretta su Inter Channel.

Andrea Stramaccioni non sembra pensare alla Juventus il suo obiettivo primario è superare il gradino Sampdoria, avversario che può fare male:”Credo che la Samp abbia iniziato bene, ma ha rallentato solo sul piano dei risultati e su quello delle prestazioni. La squadra è uscita dal campo senza punti in alcune occasioni, ma senza demeriti. Mi aspetto dunque una squadra che vuole invertire il trend negativo sfruttando le loro caratteristiche che ci possono mettere in difficoltà.”

Ci sono ancora alcuni punti interrogativi riguardo all’undici ufficiale che fronteggerà la squadra di Mister Ferrara. Riguardo al numero 99, l’ex blucerchiato più pericoloso, Stramaccioni puntualizza che si è allenato con il gruppo e fa gli scongiuri affinché possa schierarlo titolare fin dal primo minuto.

Diversa la situazione dei diffidati, ma il tecnico non fa calcoli a lungo termine:”Ranocchia è diffidato, anche Guarin, non penso in ottica di sabato contro la Juve, per me adesso c’è solo la Sampdoria, schiererò la squadra migliore. Preparerò la gara con nei minimi particolari. Come tecnico devo considerare la gestione delle energie dei calciatori, ma sul piano del risultato devo pensare gara per gara. Parlare di scontro diretto con la Juve è vero solo se battiamo la Samp, non in caso contrario.”

Su come schierare le sue undici pedine al meglio Stramaccioni non ha dubbi, riguardo alla difesa a tre afferma:”Finora con questo schieramento abbiamo preso gol solo da centrocampisti avversari, quindi da giocatori non nel radar dei centrali ma dei miei centrocampisti. Ho sempre ricevuto sensazioni di solidità dalla difesa. La Samp gioca con esterni veloci e tecnicamente validi. Estigarribia o Soriano sono calciatori bravi ad allargare la difesa a tre come si è visto nel loro match contro il Napoli.”

Il reparto offensivo può contare su uomini di peso, tra cui i due ex Genoani Palacio e Milito,oltre a Cassano, Alvarez e Livaja, mentre il Mister di “Appiano Gentile”, non potrà contare sugli infortunati Sneijder e Coutinho.

È una squadra l’Inter ancora in divenire:”C’è una struttura base fatta di posizioni e non di calciatori, ma possiamo cambiare pelle. Piano piano andiamo verso una “Inter tipo” che ancora non c’è. Dobbiamo oscillare fra due sistemi che ci permettano di essere pericolosi in ogni situazioni.” Ma l’obiettivo è chiaro:”Tornare in Champions League” parola di Andrea Stramaccioni.

Articolo precedente
Stefano Lucchini: “La difesa a tre? Preferisco quella a quattro.”
Prossimo articolo
Inter-Sampdoria: diramate le designazioni arbitrali