Primavera: il derby si chiude 1-1. Calò: «Meritavamo di più»

© foto www.imagephotoagency.it

Si è appena concluso 1-1 il Derby della Lanterna tra Genoa e Sampdoria primavera, valido per la diciannovesima giornata del Campionato Primavera Tim “Giacinto Facchetti”.

Partita che comincia immediatamente su buoni ritmi, con un Genoa forse più propositivo nelle prime battute. Al 2′ ci prova Gomes ma Massolo risponde bene e manda in corner. Al 22′ Fassone scarica una conclusione insidiosa da fuori area che manca di poco lo specchio. La prima occasione blucerchiata arriva al 27′ quando Serinelli raccoglie il cross di Tissone e scarica in semirovesciata da posizione ravvicinata: bravo Sommariva a deviare in angolo. Al 41′ ottimo scambio rossoblu sulla trequarti, ma Panico viene atterrato da Massa al limite dell’area: giallo per il difensore blucerchiato. Panico stesso si incarica della punizione ma il suo tiro si infrange sulla barriera. La prima frazione termina senza recupero con una Sampdoria brutta e poco reattiva al giropalla rossoblu. 

 

Il secondo tempo inizia con una tripla occasione per i blucerchiati, che sembrano entrati in campo con un’altra mentalità. AL 54′ Ponce impatta di testa un ottimo cross di Calò, ma Sommariva ci mette le mani e mette in angolo. Al 57′ è il turno di Bacigalupo che prova un tiro-cross dalla fascia destra: ancora Sommariva intuisce e salva la porta aiutandosi con il palo. Un minuto più tardi ci riprova Calò con un grandissimo tiro dalla trequarti che manca di pochissimo lo specchio della porta. Proprio nel momento migliore della Samp arriva la rete rossoblu: sugli sviluppi di un calcio d’angolo doriano Panico, favorito da un rimpallo, riceve il pallone che innesca il contropiede genoano, e dopo una cavalcata di 50 metri serve Gomes che insacca a colpo sicuro (’70’). Con il gol cambia la disposizione delle squadre in campo: i blucerchiati non mollano la presa e continuano ad attaccare, mentre i rossoblu abbassano il proprio baricentro con l’obiettivo di difendere il risicato vantaggio. Al 78′ Calò centra un palo da fuori area dopo la deviazione di Sommariva. All’80’ la panchina blucerchiata chiede un rigore sempre su Calò che viene atterrato in area mentre cerca di farsi spazio per concludere: Prontera di Bologna lascia correre. Il pareggio è nell’aria e all’88’ si assiste a una magia di Serinelli, che dopo un pregevole sombrero conclude di potenza da fuori area, ma trova nuovamente Sommariva (oggi il migliore dei suoi) a negare la rete doriana. Due minuti più tardi la meritata rete blucerchiata: cross da sinistra, appoggio di testa di Ponce e conclusione al limite di Calò che trova il gol dopo la deviazione della traversa. La partita si conclude così, dopo venti minuti di vero e proprio assedio blucerchiato. 

 

Giacomo Calò, autore della rete del pareggio, ha commentato così la prestazione odierna: «Il gol è frutto del mio lavoro in allenamento dove provo spesso questo tipo di conclusioni. Abbiamo un forte rammarico oggi, perchè abbiamo giocato un grande secondo tempo e meritavamo di più: è sempre così con il Genoa, li conosciamo. Dedico la mia rete alla mia ragazza e alla mia famiglia».

Il Derby della Lanterna oggi ha smentito i timori di chi si aspettava una partita bloccata come all’andata. Il match è stato ricco di occasioni e di emozioni e si è concluso con un pareggio giusto, frutto dell’equilibrata interpretazione della partita da parte delle squadre, brillanti a tempi alternati. La Samp può forse recriminare per il maggior numero di occasioni prodotte nell’arco dei novanta minuti, ma i blurcerchiati hanno pagato una grossa ingenuità difensiva e l’aver alzato il ritmo troppo tardi. Come nella scorsa giornata Pedone ha dimostrato la propria intelligenza tattica, capendo che l’unico modo per spezzare il gioco avversario era quello di alzare il pressing e puntare alla rottura delle linee di passaggio. Non è un caso che l’adozione di questi accorgimenti abbia messo alle corde i rossoblu per buona parte della seconda frazione. Il punto ottenuto oggi è certamente positivo per quanto dimostrato in campo, ma non può che creare qualche rammarico in chiave playoff: il Torino ieri ha vinto in casa con il Modena, allungando le distanze a +7. In questo contesto, con sette giornate al termine della competizione, la lotta della Samp per l’accesso alla fase finale del torneo sembra virtualmente chiusa

Condividi
Articolo precedente
Zenga si dimette, termina la sua avventua all’Al Shaab
Prossimo articolo
Stellini: «Dopo il gol troppo arrendevoli»