Scatta l’era Giampaolo: al via anche la rivoluzione

© foto www.imagephotoagency.it

Con l’annuncio ufficiale dell’arrivo alla Sampdoria di Marco Giampaolo come nuovo allenatore, la società ha iniziato a muovere i primi passi per costruire la nuova squadra. Fra scadenze di contratto, fine prestiti e riscatti, si tratta di rivoluzione.

Il modulo del tecnico, lo sappiamo, si basa sul 4-3-1-2. Nel ruolo di portiere la Sampdoria ha confermato Emiliano Viviano, per il quale la società ha esercitato l’obbligo di riscatto, confermando Christian Puggioni come riserva. Blucerchiati che andranno alla ricerca di un terzo portiere dato che Alberto Brignoli ha fatto ritorno alla base dopo che il prestito non è stato rinnovato dalla squadra.

La difesa è il reparto che ha subito la più grande rivoluzione: se il terzino destro ormai è ruolo di Lorenzo De Silvestri, con riserva Jacopo Sala, i due centrali saranno due volti nuovi, dopo che Andrea Ranocchia, Niklas Moisander e Modibo Diakitè hanno lasciato la squadra. Il primo ha fatto ritorno all’Inter dopo il prestito, il finalndese è stato ceduto a titolo definitivo, e il terzo dopo la scadenza del contratto è stato svincolato. Quindi spazio a due nuovi centrali: il primo sarà Leandro Castan, che arriva in prestito dalla Roma, il secondo invece potrebbe essere Fabian Schär dell’Hoffenheim. Confermati dalla scorsa stagione invece Matias Silvestre e Milan Skriniar, con il secondo pronto a ritagliarsi un posto importante. Nel ruolo di terzino sinistro dopo lo svincolo di Mattia Cassani e di Djamel Mesbah, in scadenza di contratto, e il rientro alla base di Vasco Regini la società sta continuando la ricerca di un calciatore di maggiore affidamento. Il nome è quello di Dodô per cui la società sta trattando un prestito con obbligo di riscatto. Dovrebbe lasciare la squadra anche Pedro Pereira per cui la soluzione è quella del prestito per acquisire esperienza.

Anche il centrocampo subirà una rivoluzione. Fernando e Roberto Soriano dovrebbero essere ceduti per fare cassa. Il primo ha da risolvere l’annosa trattativa con lo Spartak Mosca e il secondo è cercato da alcuni club italiani. In dubbio anche Nenad Krsticic ed Edgar Barreto, il primo potrebbe andare via in prestito e il secondo a titolo definitivo, in attesa di conoscere le esigenze tattiche del nuovo allenatore. Quindi gli unici certi della riconferma sono Angelo Palombo e David Ivan che resteranno come riserve. Nel ruolo di mezzala potrebbe invece trovare spazio Carlos Carbonero. La Sampdoria ha bisogno quindi di cercare altri titolari e il primo nome è sempre quello di Dennis Praet dell’Anderlecht.

Nel ruolo di trequartista, con la cessione di Joaquin Correa, si aprono spiragli per un ruolo da titolare di Ricky Alvarez dopo il rinnovo. L’argentino dovrà comunque battere la concorrenza, se dovesse essere acquistato, dello stesso centrocampista belga. Il ruolo di trequartista è fondamentale nello schema tattico e per questo la Sampdoria continuerà a valutare calciatori di prima fascia.

In attacco è confermato Fabio Quagliarella, per il quale la Sampdoria ha esercitato l’obbligo di riscatto, al fianco del quale agiranno Ivan Budimir e Patrik Schick. Da valutare il ruolo in squadra di Antonio Cassano, che nonostante sia stato quasi scartato dal presidente blucerchiato è un calciatore che potrebbe restare per dare qualità al reparto offensivo. Potrebbe essere ceduto anche Luis Muriel, che nonostante lo scarso rendimento di questo campionato ha ancora diverse richieste.

Condividi
Articolo precedente
Futuro Cassano: mercoledì incontro con Ferrero
Prossimo articolo
Parte la nuova Samp a Bogliasco con Castan e Schick