Serie B: il Brescia di Martinelli agguanta il quarto posto, male Novara e Trapani

© foto www.imagephotoagency.it

Torna anche la Serie B ad allietare i sabati pomeriggio e tornano i ragazzi in prestito della Sampdoria. Iniziamo dai match vinti: Brescia batte Cesena per 2-1 e Pescara batte Livorno con il medesimo risultato.

Per quanto riguarda la squadra di Boscaglia, che non perde da sette partite e cerca di agguantare il quarto posto, la partita inizia in discesa. A centrocampo Martinelli e Mazzitelli fanno il bello e il cattivo tempo: il primo tiro dal limite è proprio del Brescia anche se la palla finisce alta sopra la traversa. Anche il Cesena cerca di reagire e Djuric sfiora il gol del vantaggio per ben due volte: la prima alta la seconda parata da Minelli. La partita scivola via con tanti contropiede da parte di entrambe: il vantaggio arriva dopo una buona respinta di Ciano su cui si avventa Djuric che la deposita in rete. Il Brescia subisce la botta e fatica a reagire fino al finale di primo tempo dove però il Cesena resta in dieci per l’espulsione di Molina.

Il secondo tempo si apre con il Brescia di nuovo in partita che al 13′ su punizione si fa veramente pericoloso con Mazzitelli, il tiro è respinto dalla barriera. Al minuto successivo arriva il pareggio: Antonio Caracciolo infila di testa la palla del pareggio. Polemiche per un presunto fuorigioco, espulso il vice allenatore del Cesena e girandola di cambi. Al 22′ Martinelli ha una buona opportunità in area che Gomis para senza difficoltà. Si susseguono le azioni del Brescia per trovare il vantaggio che arriva dopo una raffica di cartellini gialli e rossi: espulso Cascione per proteste e il Cesena resta in nove, espulso anche l’allenatore sempre per proteste. Il Brescia chiude i conti con il rigore calciato da Andrea Caracciolo che batte Gomis.

Se il Brescia agguanta il terzo posto, anche il Pescara continua a volare e prende la terza posizione. Anche qui la vittoria è in rimonta dopo che la squadra amaranto era passata in vantaggio all’11 del scendo tempo. Il Livorno da parte sua gioca praticamente tutta la partita in inferiorità numerica per l’espulsione di Emerson per fallo da ultimo uomo. Si rivede in panchina Torreira, recuperato, mentre resta ancora ai box Fedato nel Livorno.

Pareggio per il Bari di Sansone contro lo Spezia. In realtà il risultato è molto contestato soprattutto da parte dei galletti che si vedono annullare un gol, messo in rete da Boateng su calcio di punizione. Il primo tempo si chiude sullo 0-0 risultato che resterà immutato anche alla fine della seconda frazione di gioco. Sansone subentra a Boateng ed è proprio per il blucerchiato l’occasione del vantaggio allo scadere del secondo tempo: Chichizola si distende e devia in corner.

Sconfitta per il Novara di Tozzo contro il Latina, il portiere blucerchiato guarda dalla panchina la caduta dei suoi. Anche il Trapani di Eramo esce sconfitto da Terni, per il blucerchiato altri novanta minuti a dimostrazione della sua inamovibilità nello scacchiere di Sere Cosmi, il risultato è beffardo perché il gol arriva su piazzato allo scadere del secondo tempo: il pallone sbatte sulla barriera e poi sulla testa di Gondo che devia in rete.

Condividi
Articolo precedente
Primavera: Virtus Entella sconfigge la Samp
Prossimo articolo
Il commento tecnico: Inaccettabile batosta