Torreira: «Sono della Samp, ma adesso voglio la A col Pescara»

© foto www.imagephotoagency.it

Per il secondo anno consecutivo, il Pescara prova a risalire in massima serie. Lo farà attraverso la fase a playoff, non si sa ancora se con preliminari o senza, ma le possibilità  di ottenere la Serie A sono concrete, dato l’ottimo organico a disposizione e il rendimento strepitoso di Gianluca Lapadula in fase realizzativa. 

Nella squadra di Massimo Oddo brilla però un’altra stella, questa volta a centrocampo: si tratta di Lucas Torreira, mediano acquistato dalla Sampdoria l’anno scorso ma ancora militante nella formazione abruzzese fino alla fine di questa stagione. Durante l’ultimo match contro il Lanciano, il classe ’96 ha anche messo a segno il suo terzo gol stagionale, scavalcando il portiere avversario con un bel tocco sotto: «Il cucchiaio? Un colpo di fortuna – scherza ai taccuini di pescarasport24.it è andata bene e sono felicissimo. Non segno tanto? Da trequartista in Primavera era più facile chiaramente, adesso ho un altro ruolo e non sto finendo di imparare ad interpretarlo al meglio».

Al Pescara, però, non è sempre andato tutto liscio. Ora si pensa alla gioia dei playoff, ma ci sono stati anche periodi bui: «In un anno è cambiato tanto per me, dalla spola con la Primavera alla prima squadra fisso è tutto diverso. Ho avuto anche un momento difficile; ho anche pensato, quando le cose non stavano andando benissimo, di tornare in Uruguay lo scorso anno, quando con Baroni mi allenavo spessissimo con la prima squadra e poi finivo sempre in tribuna. Devo ringraziare la mia famiglia e la società che mi sono sempre stati vicino. Ed ora come tutti i compagni penso al presente e ai playoff. Mancherà Memushaj come un anno fa mancò Bjarnason, ma abbiamo una rosa ampia e forte. Dobbiamo però pensare prima a queste due gare che mancano, puntando a vincere sempre. Arrivare terzi sarebbe importante per saltare il preliminare».

L’anno prossimo il giocatore vestirà la maglia della Sampdoria, anche se c’è una minima possibilità che possa rimanere ancora un anno in prestito ai delfini. In ogni caso, l’obiettivo è sempre giocare in Serie A: «Il mio cartellino è della Samp, ma adesso penso solo al Pescara e vincere questo campionato».

Condividi
Articolo precedente
Laxalt: «Il derby del tifo lo hanno vinto i genoani»
Prossimo articolo
A Dego messa in ricordo di Giancarlo Salvi