Una settimana da Derby: dal 1990 al 2000

© foto www.imagephotoagency.it

Una settimana per prepararsi alla grande battaglia! Il Derby della Lanterna è da sempre la partita più importante del campionato: ripercorriamo la storia della  stracittadina dal 1990 al 2000

L’unica soddisfazione del Genoa nell’anno dello scudetto della Sampdoria arriva nel Derby della Lanterna di andata: Eranio e Branco regalano la vittoria ai rossoblù, l’unica rete per la Sampdoria la realizza Vialli. Il derby di ritorno finisce con uno scialbo pareggio per 0-0, ma dopotutto quando vinci lo scudetto può anche andare bene perdere un derby. Scudetto vinto batte derby vinto, cento a zero. Passiamo subito al campionato 91/92 dove iniziano nuovamente i pareggi a reti bianche (e non): all’andata niente gol, al ritorno ben quattro (due per parte). Tutti i gol arrivano nel primo tempo: Signorini realizza il primo al quale risponde Katanec dopo dieci minuti, segue il vantaggio nuovamente del Genoa con Bortolazzi dal limite, pareggia a quattro minuti dall’intervallo Mancini anche lui su calcio piazzato. Il 92/93 segna di nuovo una goleada per la Sampdoria in un derby. Il primo tempo vede andare in vantaggio i blucerchiati dopo una pioggia di carta igienica all’indirizzo di Pagliuca (prima) e Spinelli dopo (fotografia che è rimasta nella storia), che invano aveva tentato di calmare i suoi tifosi. Il primo gol, da tradizione, arriva da un autorete di Fortunato dopo nemmeno tre minuti, segue alla mezz’ora il gol di Lanna; nella ripresa accorcia il Genoa con Padovano ma è la Sampdoria a chiude il conto in tre minuti con le reti di Jugovic e Bertarelli all’87esimo e 90esimo minuto di gioco. Il derby di ritorno è un pareggio nuovamente per 0-0. Anche il 93/94 è la fiera del pari: due partite, due “x” in schedina, due risultati per 1-1, quattro marcatori diversi: Ruotolo, Plat, Vink, Jugovic. Stanchi della Serie A nel 94/95, i rossoblù del Genoa decidono di retrocedere a fine campionato: i derby però vengono divisi uno per parte. All’andata è la Sampdoria a dominare e vincere per 3-2: vanno avanti i rossoblù con il gol di Miura a cui, un minuto dopo, risponde lo Zar che batte Tacconi incornando il pallone. Segue la rete di Lombardo per il vantaggio blucerchiato. La Sampdoria sta vincendo per 2-1: all’83esimo però Maspero butta nel sacco un altro pallone per i blucerchiati, a nulla serve il gol di Galante in mischia sul finale. Al ritorno, copione inverso: segna subito Platt per la Sampdoria, pareggia Van’t Schip e chiude il conto Skurhavy su rigore. Vincere il derby non servirà a nulla e il Genoa retrocederà in Serie B.

CINQUE ANNI PER RITROVARE IL DERBY, 96/97 SOLO IN COPPA ITALIA – Il Genoa è sceso in Serie B, ma nel 96/97 si rinnova il doppio confronto tra le due formazioni in occasione della Coppa Italia: la partita di andata vede Montella andare in gol per ben due volte (e farsi parare un gol da Berti) al quale risponde Nappi anche lui non una doppietta. Al ritorno è il Genoa ad avere la meglio con la vittoria per 2-0. Dopo questo doppio confronto, il derby mancherà per ben quattro anni (in campionato gli anni saranno cinque). Dovrà essere la Sampdoria a scendere di categoria dopo 18 anni di Serie A, per poter incontrare il Genoa e giocare il Derby. Il primo confronto finisce con il risultato di pareggio: Castellini porta in vantaggio la Sampdoria, risponde Ruotolo all’86esimo di un match che vede otto ammoniti, due espulsi e una partita giocata più a trovare le gambe che il pallone. Il ritorno è il derby dell’ex Carparelli. Con questa cavalcata decennale si chiude il nostro quarto appuntamento, domani finiremo di raccontare la storia con gli anni dal 2000 fino ad oggi.

Condividi
Articolo precedente
bruno fernandes sampdoriaBruno Fernandes e il passato Udinese: «Guidolin fondamentale»
Prossimo articolo
schick sampdoriaDerby della Lanterna: osservatori del Dortmund e del Chelsea al Ferraris