Fernandes: «Lazio? Vogliamo vincere, ci aiuterà il nostro stupendo pubblico»

bruno fernandes sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Bruno Fernandes lancia il guanto di sfida alla Lazio in vista della sfida di domani sera: «Hanno giocatori forti, ma vogliamo vincere: ci spingerà il nostro stupendo pubblico»

Di critiche che si possono rivolgere alla società blucerchiata ce ne sono, come avviene d’altronde per ogni azione umana che non sia intrinsecamente perfetta e, quindi, inattaccabile. Ciò che però si può affermare, specialmente dopo un girone di andata quasi completato, senza timore di essere smentiti, è che i vertici blucerchiati, in sede di mercato estivo, hanno operato bene. Certo, le cessioni di Correa, Fernando e Soriano non sono state indolori, ma hanno rimpinguato le casse, permettendo di reinvestire su giocatori di prospettiva. Prendiamo un esempio emblematico: il Tucu Correa ha fatto le valigie in direzione Siviglia in cambio di un assegno da 13 milioni, cui se ne aggiungeranno altri 5 in caso di futura rivendita. Nonostante abbia mostrato sprazzi di grande classe, sarebbe certo esagerato affermare che l’ex numero 10 blucerchiato fosse una colonna portante della squadra, tanto che spesso l’argentino partiva dalla panchina. Ebbene, con i soldi ricavati dalla sua cessione la Samp ha potuto investire su due prospetti di assoluto livello come Dennis Praet e Bruno Fernandes, e, viste le ottime prestazioni del belga e del portoghese, si può dire che il saldo sia assolutamente positivo.
UN GOL PER MATILDE – Il classe ’94 lusitano, reduce dall’Olimpiade con la sua nazionale, ha necessitato di diverso tempo per scavalcare nelle gerarchie Ricky Alvarez, meglio inserito, a sentire mister Giampaolo, negli schemi di squadra. Quando poi l’argentino è calato nelle prestazioni, Fernandes si è preso il posto sulla trequarti, con soddisfazione dei tifosi blucerchiati, ansiosi di vederlo in campo più spesso. E proprio il numero 10 blucerchiato ha raccontato del momento positivo, suo e della Sampdoria, ai taccuini de Il Messaggero, anticipando anche i temi della sfida di domani sera contro la Lazio: «Il derby perso? Può avere ripercussioni sul morale, ma non so se sarà il loro caso. Hanno giocatori e qualità importanti per riprendersi subito. Davanti c’è gente che fa la differenza, come Felipe Anderson, Keita e Immobile. Noi li affronteremo pensando al nostro gioco. Vogliamo vincere anche con il sostegno del nostro stupendo pubblico. Ci ha aiutato molto contro il Sassuolo incitandoci anche a 5 minuti dalla fine sullo 0-2. Domani sera vorrei anche dedicare un gol a mia figlia Matilde, in arrivo a febbraio».