Grandi manovre a centrocampo: certezze e novità per Giampaolo

giampaolo sampdoria
© foto Valentina Martini

Inizia la settimana di avvicinamento a Sampdoria-Atalanta: un centrocampo da rimaneggiare per Giampaolo, tra certezze e novità

Sei giorni e si ritorna in campo, tra le mura dello stadio “Ferraris”, per vedere la Sampdoria alle prese con l’Atalanta di Gasperini. Il tecnico nerazzurro non nasconde quali siano gli obiettivi della sua squadra, così come quale sia la sua valutazione sulla Sampdoria: un vero avversario per il raggiungimento del sesto posto. I blucerchiati, che al netto dei nazionali, hanno continuato a lavorare per farsi trovare pronti per il match casalingo, non fanno proclami: l’Atalanta è un avversario come gli altri e dovranno cercare di batterlo. Per Giampaolo sarà una settimana di studio e cambiamenti. Se attacco e difesa dovrebbero restare immutati, rispetto alle partite disputate contro Milan e Udinese, qualcosa a centrocampo dovrà necessariamente cambiare. Il tecnico blucerchiato ha una settimana per decidere chi andrà a sostituire lo squalificato Barreto e, al momento, il giocatore in pole position sembra essere Verre. L’ex Pescara, con già un po’ di minuti nelle gambe in partite ufficiali, ha l’occasione di esordire dal primo minuto di gioco complice l’infortunio, seppur non grave, occorso a Linetty durante il ritiro con la Polonia e la squalifica del paraguaiano.

Una novità, figlia di quanto visto nel match contro la Carrarese, potrebbe essere la prima convocazione per Ivan. Il centrocampista è stato impiegato, per necessità, nell’amichevole di sabato in funzione di terzino destro: ruolo non suo, ma nel quale si è adattato per sopperire all’assenza di Sala, impegnato con una sessione di scarico individuale, e Bereszynski in ritiro con la Polonia. Entrambi i giocatori di ruolo dovrebbero tornare abili per essere titolari nella partita di domenica, ma se ci fosse un dubbio sul recupero di Sala o un rischio di affaticamento eccessivo per il polacco non è da escludere una chiamata per il centrocampista. Non sembra esserci spazio invece per Djuricic: il trequartista, assente nell’amichevole, è stato convocato contro l’Udinese senza entrare in campo e difficilmente lo vedrà contro gli orobici dove, al suo posto, è più facile che subentri Alvarez. Le certezze invece sono Torreira e Praet: la cabina di regia è al sicuro con l’uruguaiano al top della forma e molto ci si aspetta dal belga, che nelle ultime partite disputate ha dato la sensazione di essere vicinissimo a sbloccarsi sotto porta.