Ultimi tre giorni di mercato: il punto sulle trattative in entrata

Sampdoria Zapata
© foto www.imagephotoagency.it

Sampdoria, il punto sulle trattative in ballo: il mercato si tinge di azzurro

La corsa contro il tempo è iniziata. Saranno decisivi, questi ultimi tre giorni, per il mercato della Sampdoria, che è alla disperata ricerca di un attaccante per sostituire Patrik Schick. L’attaccante ceco, dopo un’ottima stagione in blucerchiato e un’estate travagliata, ha finalmente trovato la nuova maglia da indossare: in serata è previsto il suo arrivo a Roma e domani arriverà la firma sul contratto che lo legherà ai giallorossi. Ora il problema per Massimo Ferrero sarà rimpinguare il reparto offensivo in queste rimanenti 72 ore, considerando anche la recente partenza di Federico Bonazzoli. Un’impresa non da poco, che parte già in salita dopo le parole di stamattina rilasciate dallo stesso presidente doriano all’uscita dell’incontro con i dirigenti della Roma: «Duvan Zapata non sarà il sostituto di Schick». Una frase che ha gelato il sangue nelle vene dei tifosi della Samp, e forse anche in quelle di Marco Giampaolo, che ieri sera dopo la vittoria sulla Fiorentina non ha perso occasione di criticare neanche troppo velatamente i tempi di questa sessione di calciomercato.

Bluff o realtà? Chi lo sa, forse una via di mezzo. Intanto, però, domani le due società si incontreranno per tentare di trovare un accordo. La Sampdoria incasserà circa 40 milioni dal trasferimento di Schick, ma non tutti immediatamente, e la liquidità disponibile al momento proviene “solo” dalle altre cessioni (principalmente quelle di Luis Muriel e Milan Skriniar): le richieste del Napoli per il cartellino di Zapata, che pur viene considerato un attaccante fuori dal progetto tecnico di Maurizio Sarri, ammontano a circa 20 milioni di euro, più una percentuale su una futura rivendita. Una cifra non da poco, che anche lo stesso agente del colombiano sta cercando di abbassare convincendo il Napoli a lasciarlo partire. Probabilmente, la dirigenza blucerchiata – che ha già fatto un’offerta di 14 milioni di euro ai partenopei – non si vuole spingere oltre i 15-16 milioni, e l’affare, a queste condizioni, sarà quindi destinato a naufragare. Se il presidente De Laurentiis scenderà a più miti consigli, allora nelle prossime ore potrebbero esserci sviluppi: nel frattempo, però, Zapata ha già dato il suo consenso a un trasferimento a Genova e ha trovato l’accordo con la Samp per un quinquennale da 1,2 milioni a stagione.

Le altre operazioni in ballo per il mercato della Sampdoria vedono sempre il Napoli coinvolto. Parallelamente ai rinforzi per il reparto offensivo, a Corte Lambruschini si valutano anche profili di difensori: il primo è quello di Lorenzo Tonelli, il secondo di Ivan Strinic. Per il centrale ex Empoli, che vorrebbe trovare minutaggio altrove, la situazione è cambiata rispetto agli scorsi giorni, poiché il suo cartellino – insieme a quello dello stesso Zapata, più un conguaglio in denaro – voleva essere usato dal Napoli come contropartita tecnica in un improbabile affare che avrebbe visto Schick vestire la maglia azzurra. Inoltre, dopo l’arrivo di Joachim Andersen in blucerchiato, la pista che portava a Tonelli si è raffreddata e adesso si può considerare in stand-by, se non accantonata definitivamente. Il discorso per Strinic è pressoché uguale – il Napoli ha tentato di inserire anche il croato in una secondo “pacchetto” di contropartite offerto alla Samp -, ma con qualche possibilità in più di essere portato a termine: Daniel Pavlovic, infatti, resta in uscita da Genova in direzione Crotone, e un rinforzo sulla corsia mancina potrebbe essere più che necessario, date anche le recenti dichiarazioni di Giampaolo su Nicola Murru.

L’arrivo di Lovro Majer dal Lokomotiv Zagabria è legato a un’eventuale cessione di Ricky Alvarez sulle trequarti, ma l’interesse del Nantes per l’argentino non ha più avuto seguito e per questo l’affare è in stand-by. Il giovane difensore dell’RNK Spalato Bozo Mikulic, invece, arriverà con ogni probabilità a settembre: il classe ’97, sfruttando una clausola presente nel suo contratto, si svincolerà dall’attuale club, permettendo così alla Sampdoria di agire con più calma. Ancora sul fronte attacco, resta aperta la soluzione Munir El Haddadi, in prestito dal Barcellona, che andrebbe però a sopperire solamente alla partenza di Bonazzoli. Rimanendo in Spagna, la Sampdoria sembra aver detto addio a Luciano Vietto: l’accordo con l’Atletico Madrid per una cifra vicina ai 20 milioni era stato trovato, ma non quello con il giocatore, date le altissime richieste d’ingaggio. Ritenuta troppo alta anche la valutazione di Roberto Inglese, attaccante del Chievo quotato sul mercato dai gialloblu non meno di 10 milioni di euro. Da qui al 31 agosto, in ogni caso, sono molto probabili colpi di scena e operazioni-lampo (come quella di Vincent Laurini alla Fiorentina) che potrebbero inaspettatamente rinforzare la rosa a disposizione del tecnico doriano.