Sampdoria padrona di Genova: blucerchiati ad un passo dalla storia

© foto Valentina Martini

Sampdoria-Genoa, i precedenti: la supremazia blucerchiata è netta, ma attenzione ad un Genoa che ha dimostrato di sapersi giocare le proprie chances con tutti

Mancano ormai solo due giorni alla partita che a Genova vale un’intera stagione, il Derby della Lanterna. Sampdoria e Genoa arrivano con un’importante differenza di punti alla stracittadina – 47 contro 34 -, ma i confronti fra blucerchiati e rossoblù hanno insegnato che le distanze in classifica contano ben poco nell’arco dei 90′, e che spesso la spunta chi sa mettere in campo più grinta, determinazione e cattiveria agonistica. Da un punto di vista dei precedenti, come noto, la Samp è in ampio vantaggio sui rivali cittadini: su un totale di 97 partite ufficiali, i blucerchiati si sono aggiudicati i 3 punti in ben 38 occasioni contro le 24 degli avversari, a fronte di 35 pareggi.

Se restringiamo il campo alle partite giocate in Serie A, la sostanza non cambia: 27 vittorie del club di Corte Lambruschini contro 17; 25 invece i pareggi. Per quanto riguarda poi le sfide giocate in casa dai blucerchiati, il bilancio è leggermente più equo: 13 vittorie doriane, 8 rossoblù e 13 pareggi. In generale, comunque, la Sampdoria comanda in ogni caso, sintomo di una supremazia cittadina che, specialmente negli ultimi anni, si è resa palese. La squadra di Giampaolo è reduce infatti da ben 3 derby di fila vinti, i 2 dello scorso campionato – 2-1 all’andata e 0-1 al ritorno – e il primo giocato in questa Serie A, terminato 0-2. Un’altra vittoria da parte di Viviano e compagni segnerebbe un record storico nei derby genovesi, dato che mai una squadra è riuscita a vincere 4 stracittadine consecutivamente. Ci vorranno però grande attenzione, concentrazione e capacità di non prendere sottogamba un avversario che, come ha dimostrato dall’arrivo di Ballardini, è sempre in grado di restare in partita e di giocarsi le proprie chances, al netto di un tasso tecnico generale non certo elevato, contro qualsiasi squadra.

Articolo precedente
Sfuma Canales: andrà al Betis Siviglia
Prossimo articolo
“Ronaldo chi?”: le più belle rovesciate della storia blucerchiata