Sampdoria-Udinese, Ferrero: «Finalmente Silvestre, felice per lui»

ferrero sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Sampdoria-Udinese, Ferrero: «Felice per Silvestre, dai miei pretendo sempre il massimo. Spero di vincere qualcosa con la Samp»

Il gelo e la neve di oggi pomeriggio hanno condizionato la gara del “Ferraris” tra Sampdoria e Udinese, ma il presidente Massimo Ferrero non sembra lamentarsi delle temperature: «Il freddo rende tosti – ha esordito in zona mista dopo la vittoria per 2-1 sui bianconeri – poi c’era uno scenario meraviglioso. Pantaloncini corti, la neve, e comunque a Torino sta facendo peggio: noi abbiamo il mare e siamo fortunati. Sono felice per Silvestre che ha fatto due gol, anche se il secondo era nella porta sbagliata: dopo quattro anni che sono qui finalmente ha segnato e ha sbloccato la partita». La seconda rete, invece, porta la firma di Duvan Zapata, che in maniera fortuita ha sfoderato un pallonetto imprendibile: «Zapata voleva fare il cross, e Duvan ha fatto gol – scherza il patron blucerchiato -. I problemi degli scorsi giorni? I presidenti son sempre come i padri, vogliono che i figli a scuola prendano sempre 10. Alla fine lo stipendio glielo paghiamo sempre, quindi vogliamo il massimo da ogni partita».

Una bella reazione, anche a detta di Marco Giampaolo, dopo la recente sconfitta contro il Milan: «Quella è stata una partita particolare, loro hanno fatto una grande gara e noi eravamo sottotono. Questa vittoria sapete perché è bella? Perché poi la Roma becca il Milan, gli fa due-tre gol e io me la spasso. Questo è il calcio. Europa? Andiamo partita per partita. Il primo anno che ero qua e avevo tanto entusiasmo, e mi avete sfondato: quest’anno non mi fregate. Giubbotto portafortuna? No no, l’ho cambiato perché avevo freddo (ride, ndr)».

Ferrero si dice soddisfatto dei progetti societari, sia quelli conclusi che quelli in divenire: «Sono molto felice di quanto sto facendo, il tempo mi darà ragione. Nessuno puntava un euro su Ferrero all’inizio, e invece mancavano le strutture che io sto facendo: c’erano tanti fantini senza cavalli. Grazie al sindaco stiamo andando avanti con lo stadio, stiamo facendo il nuovo centro sportivo e abbiamo fatto Casa Samp: se poi Dio vorrà – conclude il presidente – vincerò anche qualcosa».