Praet a cuore aperto: «Sono in debito con la Samp e i tifosi, non potevo andarmene»

Praet sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Praet, parole al miele per la Sampdoria: «Loro hanno fatto tanto per me, io devo fare ancora molto per loro: quest’anno vedrete il vero Praet»

La Sampdoria ha cambiato molto quest’anno, cedendo diversi pezzi pregiati: Skriniar, Fernandes, Muriel e – questione di giorni – Schick non saranno più a disposizione del tecnico blucerchiato Giampaolo. Sono arrivati comunque elementi interessanti come Caprari, Kownacki e Ramirez, altri ne arriveranno in questi ultimi giorni mercato. Va detto però che la società è riuscita a trattenere anche giocatori importanti come Torreira e Praet. Proprio il belga è chiamato quest’anno alla stagione della consacrazione: lo scorso campionato il numero 18 si è alternato con Linetty nel ruolo di mezz’ala sinistra, abbandonando la preferita posizione sulla trequarti per volere di Giampaolo, che si è detto sempre convinto delle qualità del classe ’94, convincendolo ad abbassare il suo raggio d’azione sulla linea mediana.

Che questa sia la stagione giusta per esprimersi finalmente al meglio delle proprie possibilità lo sa anche lo stesso Praet: «L’anno scorso ho iniziato a capire il calcio italiano – ha affermato ai microfoni di Mediaset Premium, che è molto diverso da quello belga. Sono felice di come è andata: 22 presenze in Serie A vanno bene, ma posso fare molto meglio. Penso di potere fare più gol e assist in questa stagione: i miei obiettivi saranno aumentare i gol e dare una grossa mano alla squadra. Quest’anno vedrete il vero Praet». Poco importa il ruolo, la cosa fondamentale è poter giocare per aiutare i propri compagni: «Il mio ruolo preferito lo sapete, ma io gioco dove il mister vuole: mezzala, trequartista, non importa. Abbiamo iniziato bene la stagione contro Foggia e Benevento, ora c’è la Fiorentina: possiamo fare una buona partita come l’anno scorso». Parole al miele, infine, per la Sampdoria, che ha deciso di puntare forte sul belga per questo campionato, rispedendo al mittente la ricca offerta del Newcastle: «Sono felice delle dichiarazioni fatte dalla società, che mi ha voluto trattenere qui. La Sampdoria ha fatto molto per me, io però devo ancora fare tanto per la Sampdoria. Se siamo meglio del campionato scorso? L’anno scorso abbiamo fatto un anno positivo, ma possiamo migliorarci, dando più continuità di risultati».

Condividi
Articolo precedente
Andersen SampdoriaAndersen, primo saluto ai tifosi: «Forza Sampdoria»
Prossimo articolo
Schick SampdoriaL’Inter ammette: «Schick andrà alla Roma». Ma poi si rimangia tutto