Audero deluso: «Più chiarezza in società aiuterebbe» – VIDEO

Audero dopo Sampdoria-Lazio: «Abbiamo lavorato male come difesa». E sulla cessione: «Più chiarezza aiuterebbe»

SAMPDORIA-LAZIO: LE PAGELLE
SAMPDORIA-LAZIO: GLI HIGHLIGHTS
SAMPDORIA-LAZIO: TUTTE LE EMOZIONI

Rammarico e delusione sono i due sentimenti che contraddistinguono l’intervista di Emil Audero dopo la brutta sconfitta rimediata contro la Lazio all’esordio stagionale in Serie A. Intervenuto in mixed zone al termine della gara, il portiere blucerchiato ha commentato così la prestazione: «Poca Samp o troppa Lazio? Un misto di tutte e due le cose. Una bella Lazio, una brutta Samp. Abbiamo concesso troppo: ripartenze, palle gol e occasioni in generale. Noi abbiamo avuto alcune occasioni, ma non siamo riusciti poi a concretizzare. Loro invece sì, anche perché ne hanno create di più nette. Non abbiamo lavorato bene come reparto difensivo e loro ci sono stati superiori per tutta la partita. Ci sarà il tempo di lavorare e perfezionarsi, sono cambiate diverse cose rispetto all’anno scorso».

Audero nega che il 3-0 incassato questa sera sia stato frutto di una scarsa condizione fisica e invita tutti a dimenticare il risultato: «In questi casi la cosa migliore è sempre mettere tutto da parte e ricominciare a lavorare, facendo i complimenti alla Lazio che ha fatto una grande partita. Di Francesco? Non ci ha parlato più di tanto, credo che sia giusto quando capitano partite del genere. Pensiamo a lavorare in settimana».

Anche le voci sulla cessione societaria potrebbero aver condizionato la prestazione della Samp: «No – assicura il classe ’97 – uno quando va in campo non sta a sentire le cose esterne, ciò che potrebbe riguardare la società: indubbiamente, però, aiuterebbe avere un po’ più di chiarezza e di ordine». Non è tutto da buttare per Audero: «Secondo me è stato un buon primo tempo, stavamo finendo in crescendo nonostante le palle gol concesse. Siamo rientrati dagli spogliatoi e loro hanno trovato quasi subito il raddoppio, di conseguenza noi ci siamo un po’ sciolti. Ci è mancata lucidità, ma anche un guizzo nella nostra trequarti».