Sampdoria, la ribalta delle donne: tribuna gremita – FOTO

Sampdoria Napoli
© foto www.imagephotoagency.it

Sampdoria-Napoli è stata anche la festa delle compagne dei calciatori blucerchiati: da Schick a Dodò, passando per Linetty e Bereszynski

L’ultima partita di Serie A, in casa, era imperdibile. Non tanto per i tifosi, già rassegnati dinanzi a un Napoli che avrebbe mirato – e così è stato – al secondo posto senza mai fermarsi, senza provare alcuna pietà per una squadra che non aveva più nulla da chiedere al proprio campionato. La figuraccia c’è stata, ma non sono mancati i momenti di festa: dall’ingresso in campo di alcuni blucerchiati con i propri figli, vedi Bruno Fernandes con la piccola Matilde in braccio, al ringraziamento verso il proprio pubblico al triplice fischio. E a loro modo, hanno saputo festeggiare anche le compagne dei giocatori della Sampdoria. Sugli spalti del “Ferraris” i riflettori erano puntati su Kristyna Schick, spesso adocchiata dalle telecamere mentre assisteva alle poche giocate del fratello. Insieme a lei la ragazza di Patrik, Hana Behounkova. Si passa poi a Francieli, modella brasiliana che ha saputo stregare e supportare nei momenti difficili Dodò, che purtroppo continuano per gli errori commessi nelle precedenti giornate. Poteva mancare il tifo polacco? Assolutamente no. Tocca di conseguenza a Wioletta Kanafa e Maja Mocydlarz: la prima è la ragazza di Karol Linetty, la quale ha voluto ritrarre più volte il pubblico doriano – con uno striscione per il suo calciatore preferito proveniente proprio dalla Polonia – e chiamare in causa anche Piotr Zielinski. La seconda ha vissuto a distanza agli ultimi novanta minuti della stagione e ha fotografato direttamente il televisore all’annuncio, da parte della grafica, delle formazioni ufficiali. Un cerchio attorno al nome di Bartosz Bereszynski e un cuore, virtuale.

Articolo precedente
Sampdoria PrimaveraI nostri campioni, adesso, sono altri
Prossimo articolo
ricky alvarez sampdoriaÁlvarez guarda alla prossima annata: «Adesso bisogna staccare, poi…»